Archimosaico

di Carmine Pellegrini

ArchiMosaico rappresenta una visione alternativa della realtà architettonica delle città, nella fattispecie Bari ed il suo interland (ma potrebbe trattarsi di una qualsiasi altra), vista attraverso il riflesso proiettato dagli specchi di alcune costruzioni.

L’intento è quello di riportare la sensazione di claustrofobia, rappresentato dalla distorsione derivata dalla scarsa planarità delle superfici riflettenti, che spesso accompagna chi si ritrova a vivere al cospetto di edifici progettati trascurando la vivibilità ed il bisogno di ampi spazi che da sempre accompagna l’essere umano (e non solo?).

Per la realizzazione ho utilizzato una fotocamera digitale di medio livello, impostata spesso a lunghezze focali quanto più corte (35mm), rispettando i canoni classici della fotografia di architettura.

L’elaborazione dei file è stata eseguita con il più noto dei programmi di elaborazione grafica ma, considerando anche la mia pressoché totale ignoranza nell’uso del mezzo, si è limitata alla correzione dei canali colore ed alla regolazione di luminosità e contrasto.

www.photorevolt.com
 Copyright © 2005 Stefano Arcidiacono and PM Photographers. (ISSN 1826-3860)